Quando la vita cambia colore

di Lisa Galli: un blog per i malati, per i loro familiari, per chi li cura e per quelli detti sani

La canzone dei Karadell: “Nella vita chi è felice è pazzo”

giugno12

Nel dicembre 2005 ho pubblicato un libro dal titolo “Nella vita chi è felice è pazzo”.

Il libro raccontava la storia del mio amico Giuseppe Montalbano; riprendeva le conversazioni che avevo registrato durante i nostri incontri e, per questo motivo, ne siamo i co-autori.

A distanza di cinque anni sono stata contattata da un gruppo di musicisti di Ferrara, i Karadell, che, dopo aver letto il libro, sono rimasti colpiti dalla storia di Giuseppe ed hanno deciso di scrivere una canzone.

E’ molto emozionante ascoltare in musica e parole il contenuto di quel libro.

Un libro è come un figlio, non sono io la prima a dirlo, dopo tanti mesi (certo più di nove!) che lo hai curato, letto e riletto, scelto le singole parole e gli aggettivi, le virgole e i punti, arrivi a doverti separare da lui.

E’ un momento bellissimo, perchè vedi, finalmente, la tua opera compiuta, ma è anche il momento del saluto, dell’addio.

Da lì in avanti non ti appartiene più.

Uno si augura che venga letto da molti, ma, allo stesso tempo, sa che ognuno lo interpretrerà come vorrà.

Quando si legge un libro ognuno trova ciò che cerca.

L’autore, forse, non pensa ad una frase in un determinato modo, perchè la costruisce partendo dalla sua esperienza; l’interpretazione del lettore è motivata, invece, dalla propria storia, con le sue identificazioni e proiezioni.

In sintesi, non sai mai cosa scrivi fino a quando qualcuno non ti dirà cosa hai scritto per lui.

Anche oggi, quando racconto di Guido Speranza, ricevo mail di persone che si rivedono nel mio protagonista per degli aspetti che io non ho pensato di descrivere … eppure, per quelle persone, sono lì, tra le parole che io ho scelto per dire una cosa, ma che in realtà ne possono dire mille altre: tutte importanti e significative!

E qua arrivano i Karadell.

Hanno letto il libro e, a distanza di anni, come un messaggio custodito in una bottiglia e lanciato nel mare immenso dell’umanità, l’hanno interpretato e pensato di comunicare in modo differente, ma molto efficace.

La loro canzone mi ha commossa, perchè ancora una volta, in forma artistica diversa, ho ritrovato  il mio amico.

Uno dei messaggi più forti che volevo giungesse al lettore era la sua capacità di vedere la stessa situazione da prospettive differenti.

La canzone che potrete sentire, Chi è felice è pazzo, penso che esprima questo per la vivacità della musica e la forza delle parole.

Giuseppe non ha fatto in tempo a leggere il libro e non ha potuto ascoltare questa canzone, ma sono sicura che quando io la canto (stonatamente!), lui la canta con me.

Ringrazio nuovamente i Karadell per averla scritta e per avermi permesso di pubblicarla nel mio Blog.

posted under Varie ed eventuali
2 Comments to

“La canzone dei Karadell: “Nella vita chi è felice è pazzo””

  1. On giugno 13th, 2010 at 11:17 Moni Says:

    A proposito di canzoni, per radio si sta sentendo questa:

    “Grazie per avermi spezzato il cuore
    finalmente la luce riesce a entrare
    Strano a dirsi ho trovato pace
    In questa palude
    mentre una sera scagliava invece
    Musicali Promesse
    di apocalisse”

    Anche se qualcuno, qualcosa ci spezza il cuore, la cosa positiva è che “finalemente” la luce entra e ci fa vedere la vita con una “luce” diversa, positiva (solo il fatto che entra la luce, è positivo).
    La conazone è “Alle porte del sogno” di Irene Grandi.

  2. On aprile 1st, 2014 at 17:45 sonia galli Says:

    Come è possibile trovare il libro? da chi è edito?

Email will not be published

Website example

Your Comment: